Editoria: “Rogate ergo”, il numero di novembre dedicato ai carismi

Il tema del Sinodo dei Vescovi del 2018, “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”, e la recente lettera “Iuvenescit Ecclesia” della Congregazione per la Dottrina della fede sono lo spunto del numero di novembre della rivista “Rogate ergo”,  che propone un discorso articolato sul discernimento dei carismi. Dopo uno sguardo storico sulla maturità raggiunta dai movimenti ecclesiali nel post-concilio, il teologo Piero Coda si sofferma sul riconoscimento della co-essenzialità dei doni gerarchici e carismatici avvenuto con il documento “Iuvenescit Ecclesia”, da lui considerato “una pagina nuova” sui carismi. Lo psicoterapeuta Severino De Pieri spiega i criteri che devono accompagnare gli educatori nel lavoro di discernimento nella prospettiva vocazionale. Tra le esperienze descritte, occupa un posto di rilievo il Movimento dei Focolari, che attraverso un cammino di istituzionalizzazione del proprio carisma, durato più di 70 anni, viene oggi guardato come un motore di unità nella Chiesa. Così pure significativa l’esperienza di “Casa Nicodemo”, la comunità di accoglienza di Pagnano di Merate, dove i giovani, attraverso la vita comune, hanno la possibilità di vivere un’esperienza di crescita umana e spirituale. La rivista si sofferma poi sulla testimonianza carismatica di san Francesco d’Assisi, i cui rapporti con la Chiesa, in particolare con Papa Innocenzo III, non furono mai conflittuali. Altro esempio di armoniosa convivenza tra carisma e istituzione è quella personalmente vissuta dal cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei Vescovi e apprezzato pianista, che recentemente ha pubblicato un triplo Cd. Chiude il numero la risposta data da monsignor Lorenzo Chiarinelli, nella rubrica Dialogo, a una giovane che gli chiede: ”Se Dio è onnisciente che senso ha la preghiera di domanda?”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia