Diocesi: Pompei, al santuario in mostra l’arte del presepe

È con l’inizio della novena di Natale e l’inaugurazione dell’ultimo dei presepi della ricca rassegna artistica realizzata dal santuario che, il 16 dicembre, Pompei entrerà nel vivo dell’attesa del Santo Natale. Al suono delle zampogne, dinanzi all’altare San Giuseppe della basilica, sarà proposto all’ammirazione dei visitatori l’ultima delle numerose opere della tradizione dei presepi artistici del Santuario. Risalente allo stesso fondatore Bartolo Longo, la tradizione presepistica pompeiana ha, ormai, oltre cento anni e fa sì che i pellegrini si immergano pienamente nel Mistero di questa festa tanto cara alla cristianità. Grazie allo scenario pastorale, all’atmosfera di letizia nella povertà di una grotta e alla serenità familiare, i fedeli rivivono il momento della nascita di Gesù, aprendosi alla contemplazione dell’inesauribile mistero dell’Incarnazione. La stagione presepistica, inaugurata il 7 dicembre presso il Centro Educativo “Bartolo Longo”, con la benedizione e la visita al presepe monumentale e alla mostra dei presepi, si è arricchita, poi, di numerosi altri, allestiti in altri ambienti del santuario: la sala offerte, il museo del santuario e il piazzale San Giovanni XXIII.
Il presepe monumentale, voluto dallo stesso Bartolo Longo, rappresenta la proposta stilisticamente più nuova e moderna. Ristrutturato nel 1984, è stato integrato con nuove scene. Accanto ad esso, nei sotterranei del Centro si trovano anche numerosi altri presepi realizzati nei più disparati materiali, ognuno con caratteristiche e particolarità differenti. La rassegna è stata realizzata grazie alla fantasia e all’abilità di artigiani campani, sotto la direzione artistica di Domenico Bonifacio, di Torre del Greco (Na). Sarà possibile visitare l’esposizione fino al 2 febbraio 2017. Giorni e orari delle visite sono indicati sul sito www.santuario.it.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori