Angola: dal 18 al 24 luglio la plenaria del Secam sulla famiglia alla luce del Vangelo

“La famiglia in Africa ieri, oggi e domani, alla luce del Vangelo”: è il tema dalla diciassettesima assemblea plenaria del Simposio delle Conferenza episcopali di Africa e Madagascar (Secam) che si terrà a Luanda, capitale dell’Angola, dal 18 al 24 luglio, e che vedrà la partecipazione di oltre cento rappresentanti della Chiesa cattolica continentale. In programma ogni tre anni, l’assemblea del Secam sarà caratterizzata dalla recente esortazione apostolica “Amoris laetitia” di Papa Francesco. Ad aprire ufficialmente i lavori sarà una celebrazione eucaristica presso la parrocchia della Sacra Famiglia di Luanda. Dopo la prolusione introduttiva del presidente del Secam, l’arcivescovo di Lubango, monsignor Gabriel Mbilingi, i lavori proseguiranno con una serie di seminari e simposi suddivisi per argomento. Si analizzeranno, per esempio, le nuove sfide pastorali della famiglia africana oggi, la questione dell’evangelizzazione delle famiglie, l’impatto che i nuovi media, così come le nuove ideologie, hanno sulla vita familiare africana. Nei giorni successivi, si prevede anche l’esame degli atti conclusivi della sedicesima plenaria svoltasi nel 2013 a Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo, assieme all’analisi dei rapporti stilati dai diversi dipartimenti che compongono il Secam. Per sabato 23 luglio, inoltre, è previsto l’annuncio del tema, del luogo e della data in cui si svolgerà la diciottesima assemblea plenaria, mentre domenica 24, si terrà la celebrazione conclusiva dell’assemblea. Inaugurato ufficialmente nel 1969 da Papa Paolo VI, durante la sua visita in Uganda, il Simposio delle Conferenza episcopali di Africa e Madagascar compirà cinquant’anni nel 2019.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori