Siria: Aibi, da domani sms solidale per costruire un ospedale in Siria

L’Associazione Amici dei bambini (Aibi) contribuirà alla costruzione di un ospedale pediatrico in Siria garantendo cure e assistenza ai bambini vittime dei bombardamenti. L’ospedale si troverà nel nord della Siria, accessibile a circa 450mila civili: sarà scavato nella collina fornendo un ambiente sicuro per i pazienti e il personale. Su una superficie di circa 2000 mq all’interno della collina e 300 mq fuori, l’ospedale offrirà servizi di emergenza così come pediatria, ginecologia e servizi ostetrici per 300 pazienti al giorno. Con 35 posti letto e 19 incubatrici, l’ospedale potrà, inoltre, fornire la sicurezza ai più vulnerabili. L’ospedale è l’ennesima sfida che si pone Aibi, presente dal 2014 in Siria, nelle province settentrionali di Idlib e Aleppo, e recentemente anche nelle aree di Homs e Rural Damasco, con l’obiettivo di contribuire alla sicurezza alimentare e alla protezione dei minori. Tre anni in cui Aibi ha aiutato 25mila bambini e le loro famiglie “strappate” così ai barconi mettendole nelle condizioni di poter vivere. Per la costruzione dell’ospedale l’Aibi lancia la campagna sms solidale “Bambini in Alto mare”: da domani, 17 settembre al 3 ottobre, si possono donare 2 euro al 45507. All’appello ha risposto Nino Frassica: l’attore messinese è, infatti, protagonista dello spot della campagna solidale, tratto dall’omonima canzone “A Mare si gioca” (di cui è autore Tony Canto, anche lui testimonial della campagna di Aibi) presentata al Festival di Sanremo 2016.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa