Papa Francesco: Messa Madre Teresa, “testimonianza eloquente della vicinanza di Dio ai più poveri tra i poveri”

foto SIR/Marco Calvarese

La “missione” di Madre Teresa di Calcutta “nelle periferie delle città e nelle periferie esistenziali permane ai nostri giorni come testimonianza eloquente della vicinanza di Dio ai più poveri tra i poveri”. Lo ha sottolineato, ieri mattina, Papa Francesco, nell’omelia per la messa di canonizzazione della fondatrice delle Missionarie della carità. “Oggi – ha affermato – consegno questa emblematica figura di donna e di consacrata a tutto il mondo del volontariato: lei sia il vostro modello di santità!”. Il Pontefice ha, poi, ammesso: “Penso che, forse, avremo un po’ di difficoltà nel chiamarla Santa Teresa: la sua santità è tanto vicina a noi, tanto tenera e feconda che spontaneamente continueremo a dirle ‘Madre Teresa’”. “Questa instancabile operatrice di misericordia ci aiuti a capire sempre più che l’unico nostro criterio di azione è l’amore gratuito, libero da ogni ideologia e da ogni vincolo e riversato verso tutti senza distinzione di lingua, cultura, razza o religione”, è stato l’auspicio del Santo Padre, che ha concluso ricordando che “Madre Teresa amava dire: ‘Forse non parlo la loro lingua, ma posso sorridere’. Portiamo nel cuore il suo sorriso e doniamolo a quanti incontriamo nel nostro cammino, specialmente a quanti soffrono. Apriremo così orizzonti di gioia e di speranza a tanta umanità sfiduciata e bisognosa di comprensione e di tenerezza”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa