Corridoi umanitari: Impagliazzo (Sant’Egidio), “non dovete avere paura, siete benvenuti nel cuore dell’Italia”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“Non dovete avere paura, siete benvenuti nel cuore dell’Italia, costituita da famiglie, da comunità cristiane. Da oggi iniziate un percorso nuovo che vi porterà a diventare nuovi italiani e nuovi europei”. Queste le parole con cui  Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio, ha accolto stamattina all’aeroporto di Fiumicino i primi 25 profughi dal Corno d’Africa, tra cui moltissimi bambini, nell’ambito dei corridoi umanitari resi possibile da un protocollo siglato a gennaio tra governo italiano, Cei (Caritas e Migrantes) e Comunità di Sant’Egidio, per accogliere in due anni 500 profughi. Una pratica “oramai consolidata dell’aiuto umanitario in Italia e altri Paesi europei”, ha detto Impagliazzo, che segue il criterio fondamentale della “vulnerabilità”: “Un terzo di queste persone sono bambini, con le loro madri e famiglie. Questo ha mosso il cuore di molti italiani”. E poi, rivolgendosi ai profughi: “Voi non siete accolti da una istituzione fredda ma da madri, padri, famiglie. Questo è il segno di una nuova unità tra Italia e Africa. Con questo progetto Italia e Africa sono ancora più vicine e si vogliono ancora più bene. Noi italiani non abbiamo paura di voi, anzi vi accogliamo con grande gioia ed affetto. Siete già da oggi nostri fratelli”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo