Sport e pace: Laureus sport for good, bambini israeliani e palestinesi insieme nel nome dello sport

Il presidente della Laureus World Sports Academy, Sean Brian Thomas Fitzpatrick

Bambini e ragazzi israeliani e palestinesi uniti nel nome dello sport: accade a Tel Aviv e a Gerusalemme dove il “Peres Center for Peace”, fondato nel 1996 da Shimon Peres, premio Nobel per la pace e presidente di Israele dal 2007 al 2014 e “Laureus Sport for Good Middle-East”, associazione sportiva che promuove la pace e l’amicizia attraverso il gioco del basket, portano avanti due progetti in ambito sportivo rivolto a colmare il divario tra le due comunità in conflitto da 50 anni. I progetti sono sostenuti dalla “Laureus Sport for Good”, fondazione che promuove oltre 100 iniziative sportive in 35 Paesi del mondo per contrastare gravi fenomeni sociali quali criminalità giovanile, gang, violenza armata, discriminazione ed esclusione sociale. Per dare ulteriore sostegno ai due progetti la Laureus Sport for Good sarà a Tel Aviv e a Gerusalemme dal 4 al 6 dicembre. “La nostra missione – dichiara al Sir il presidente della Laureus World Sports Academy, un mito del rugby mondiale, il neozelandese Sean Brian Thomas Fitzpatrick – è usare lo sport come strumento per porre fine alla violenza, alla discriminazione e allo svantaggio”. Lo sport, infatti, sostiene Fitpatrick, “può offrire anche delle ottime lezioni di vita, come il fare parte di una squadra, il rispetto delle regole, degli altri giocatori, degli arbitri, l’impegno per una causa, accettare la sconfitta nel modo giusto. Lo sport mi ha insegnato a lavorare sodo, essere concentrato e resiliente. Ho imparato come superare le sfide e a non mollare. Se lavori duramente e gareggi al meglio hai possibilità di farcela. Queste sono grandi lezioni per la vita”. Il programma della visita prevede incontri con la stampa e con rappresentanti del “Peres center for peace” e dei “Laureus Sport for Good Middle-East”, con i volontari dei progetti e con i giovani che ne prendono parte. A guidare il tutto sarà Jens Thiemer, vice presidente Marketing della Mercedes-Benz e membro di presidenza della Fondazione. Porterà, infine, la sua testimonianza la cestista americana Chamique Holdsclaw, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Sidney nel 2000.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo