Dire: i titoli e il tg politico

(DIRE-SIR) – Ecco i titoli e il tg politico realizzato dall’agenzia Dire. Anche su www.dire.it e www.agensir.it.

In Sicilia Centrodestra avanti, sconfitta del Pd

In testa il candidato di centrodestra Nello Musumeci, a circa tre punti di distanza Giancarlo Cancelleri del Movimento Cinque Stelle. Le regionali in Sicilia segnano l’arretramento del centrosinistra con il candidato del Pd Fabrizio Micari terzo e quello della sinistra Claudio Fava quarto. Affluenza in calo, ferma al 46,76 per cento.

Di Maio-Renzi, scontro sul duello tv

Ti sfido. Sì, no, forse, vediamo. L’atteso duello tv tra Matteo Renzi e Luigi Di Maio si complica. Il candidato premier del Movimento Cinque Stelle annulla il faccia a faccia perché, dice, dopo la sconfitta del Pd in Sicilia è in dubbio la candidatura a premier di Renzi. Circolano ipotesi sulla presenza di Alessandro Di Battista al posto di Di Maio, e su un’intervista doppia differita. Interviene il segretario del Pd: “Di Maio scappa, non ha coraggio”, dice. E aggiunge: “Io vado in tv da Floris. Se lui non viene non è un leader”.

Gentiloni: ricostruzione, gare d’appalto più veloci

Più risorse e lo sblocco delle gare d’appalto. Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni all’Università di Camerino ribadisce l’impegno del governo al fianco delle popolazioni colpite dal terremoto, a cominciare dalle leggi in Parlamento, decreto fiscale e legge di bilancio. Gentiloni si è collegato poi con la Stazione Spaziale Internazionale, parlando con l’astronauta dell’Agenzia spaziale europea (Esa) Paolo Nespoli.

Papa: non maltrattiamo l’ambiente

“La guerra causa sempre gravi danni all’ambiente. Non maltrattiamo la nostra casa comune, ma preserviamola per le future generazioni”. Papa Francesco torna a difendere l’ambiente e lo fa, come sottolinea il Sir, nella giornata internazionale per la prevenzione dello sfruttamento dell’ambiente nelle guerre e nei conflitti che si celebra proprio oggi.

Ema a Milano, ministro Lorenzin fiduciosa

“Qui c’è Human Technopole, vera e propria scommessa sulle scienze della vita. Se arrivasse anche Ema starebbero davvero bene insieme”. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin si dice fiduciosa sul trasferimento dell’agenzia europea del farmaco a Milano. In conferenza stampa al G7 della salute, dedicato in gran parte all’impatto del clima e alla resistenza agli antibiotici, Lorenzin è soddisfatta: “Abbiamo cercato di preservare tutti gli elementi che ci uniscono e non quelli che ci dividono”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori