Notizie Sir del giorno: G20 e migranti, liberazione Mosul, nuova udienza per Charlie Gard, Rapporto Giovani Scuola

Migranti: Forti (Caritas Italiana), “da G20 e Tallinn nessuna proposta utile e credibile”

“Dal G20 di Amburgo e ancor prima dal vertice di Tallinn non sono emerse proposte utili e credibili per affrontare con serietà la questione migranti”. Anzi, verso l’Italia “il messaggio è chiaro: meno solidarietà verso chi mette a rischio la nostra sicurezza”. È quanto scrive Oliviero Forti, responsabile dell’Ufficio immigrazione di Caritas Italiana, in una nota pubblicata oggi dal Sir. “La provocazione italiana di chiudere i porti, per convincere il resto dell’Europa a mostrare maggiore solidarietà, non è stata nemmeno presa in considerazione”, osserva. (clicca qui)

Liberazione di Mosul: mons. Mouche (arcivescovo), “grande valore per il futuro del nostro Paese”. Difficile il rientro della popolazione

“Una bella notizia che assume un grande valore per il futuro del nostro Paese”. Così mons. Petros Mouche, arcivescovo siro-cattolico di Mosul, Kirkuk e del Kurdistan commenta al Sir la liberazione di Mosul, seconda città irachena, strappata allo Stato Islamico (Isis) dall’esercito regolare dopo nove mesi di battaglia che lasciano sul terreno macerie e migliaia di persone senza casa. “Sto rientrando da Mosul – dice al telefono il presule – dove ho incontrato il primo ministro iracheno, Haidar al Abadi. Nel nostro colloquio abbiamo affrontato diversi punti tra cui come favorire il rientro dei cristiani. Per il momento, purtroppo, il rientro della popolazione, non solo cristiana, è difficile e ci vorrà del tempo”. (clicca qui)

Charlie Gard: giovedì 13 luglio nuova udienza davanti all’Alta Corte

Si sono dati appuntamento di fronte alla High Court di Londra i sostenitori del piccolo Charlie Gard mentre nel pomeriggio di oggi si riuniva la Corte per riaprire il caso del bimbo di 11 mesi affetto da una speciale forma di patologia mitocondriale che ora lo tiene legato alle macchine che lo nutrono e lo fanno respirare. La sentenza è stata rimandata al 13 luglio. (clicca qui)

Crollo intonaco duomo Acireale: mons. Raspanti (vescovo), oggi visita al bimbo ferito in ospedale. “Preghiamo per lui. Lo affidiamo alla Madonna”

Ha voluto essere fisicamente accanto alla famiglia, portare conforto e pregare con i genitori nello stesso ospedale nel quale il piccolo è ricoverato. Mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, si è recato in visita, questa mattina, al Policlinico di Messina, dove da ieri è ricoverato il bambino di un anno che, sabato pomeriggio, è rimasto ferito dal crollo dell’intonaco dal tetto del duomo di Acireale. Già ieri, dalla sua pagina Facebook, il presule aveva fatto appello alla comunità. “Preghiamo per il piccolo bambino – aveva scritto – che soffre con i genitori in ospedale per il crollo dell’intonaco in cattedrale. Lo affidiamo alla Madonna”. “È grande la vicinanza mia e della Chiesa acese tutta – ha detto mons. Raspanti al Sir -, grande l’affetto con il quale accompagniamo la famiglia e l’attenzione con la quale seguiamo la vicenda”. (clicca qui)

Scuola: Rapporto Giovani, per 6 ragazzi su 10 “l’istruzione è anche una risorsa utile per affrontare la vita”

A dispetto di alcuni luoghi comuni, “i giovani conservano un’idea forte e articolata della scuola come luogo formativo. Sei intervistati su dieci sono convinti che l’istruzione sia anche una risorsa utile per affrontare la vita (60,5%). Più ridotta, ma comunque significativa, è la quota di coloro che attribuiscono all’istruzione anche un significato strumentale: il 55,6% pensa che possa servire a trovare un lavoro migliore, il 42,1% a trovarlo più agevolmente. Solo il 9,3% degli intervistati è convinto che non serva a nulla”. Sono questi alcuni dei dati del “Focus Scuola” del Rapporto Giovani 2017 (RG2017) dell’Istituto Toniolo che permettono di costruire un quadro esaustivo del background culturale ed emozionale che porterà oltre 450mila studenti italiani ad affrontare gli esami di maturità. (clicca qui)

Russia: Mosca, oltre un milione e mezzo di pellegrini alle reliquie di San Nicola. Dal 13 luglio a San Pietroburgo

Il sito ufficiale dell’esposizione delle reliquie di San Nicola a Mosca indica per oggi un tempo in coda di 9,5 ore. Il numero totale di pellegrini che fino a ieri sera hanno reso omaggio alle reliquie è di 1.687.500. Si potranno venerare le reliquie a Mosca fino alla sera del 12 luglio. Il giorno dopo saranno trasferite a San Pietroburgo e saranno accessibili nella basilica della Santa Trinità del monastero Aleksander Nevskij dalle 16 del 13 luglio fino al 28, tutti i giorni dalle 7 alle 22. (clicca qui)

“Lab.Ora Mille giovani”: Associazione Laudato Si’, un progetto per selezionare “una nuova classe dirigente al servizio del bene comune”

Una nuova generazione di leader, “costruttori d’Italia”, giovani servitori del bene comune. Con questo spirito ha preso il via un anno fa “Lab.Ora Mille giovani. Servitori del bene comune”, il progetto promosso dalla Associazione Laudato si’. L’iniziativa prende spunto dal discorso che Papa Francesco ha fatto al V Convegno ecclesiale nazionale di Firenze, il 10 novembre 2015. Per i promotori, che questa mattina a Roma hanno presentato le linee del progetto, lo scopo è far incontrare i giovani con eminenti testimoni nel panorama socio-culturale del Paese, prepararli al dialogo sociale e politico e renderli “capaci”, come ha detto lo stesso Pontefice, “di vivere i problemi come sfide e non come ostacoli”.  (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia