Notizie Sir del giorno: Motu Proprio “Maiorem hac dilectionem”, lettera vescovi venezuelani a Maduro, spiaggia Chioggia, incendi sul Vesuvio e a Messina

Papa Francesco: Motu proprio “Maiorem hac dilectionem”, “offerta della vita” nuova fattispecie dell’iter di beatificazione e canonizzazione

“L’offerta della vita è una nuova fattispecie dell’iter di beatificazione e canonizzazione, distinta dalle fattispecie sul martirio e sull’eroicità delle virtù”. A stabilirlo è il Papa, con un apposito Motu proprio sull’offerta della vita, dal titolo “Maiorem hac dilectionem”, diffuso oggi. “Sono degni di speciale considerazione e onore quei cristiani che, seguendo più da vicino le orme e gli insegnamenti del Signore Gesù, hanno offerto volontariamente e liberamente la vita per gli altri ed hanno perseverato fino alla morte in questo proposito”, spiega il Pontefice. (clicca qui)

Venezuela: i vescovi al presidente Maduro, è urgente “ritirare la convocazione di una Assemblea nazionale costituente”

I vescovi venezuelani hanno inviato una lettera al presidente della Repubblica Nicolás Maduro, chiedendo in particolare il rispetto per l’autonomia dei poteri politici e la rinuncia al progetto di Assemblea nazionale costituente. Scrivono i presuli: “Siamo convinti che se lei vuole risolvere la grave crisi dovuta alla scarsità di generi alimentari e di medicine e all’insicurezza, che sta creando innumerevoli vittime”, così come “restituire al Venezuela la sua piena democrazia a livello istituzionale” è urgente “riconoscere la autonomia di tutti i poteri pubblici e lavorare assieme ad essi”, in particolare con “l’Assemblea nazionale e i massimi organi giudiziari; ritirare la convocazione di una Assemblea nazionale costituente; assumere e rafforzare gli accordi che erano stati raggiunti nell’iniziale dialogo con l’opposizione”. (clicca qui)

Spiaggia Chioggia: Graglia (Univ. Milano), “il fascista convinto nega libertà e democrazia. A qualcuno servirebbe un ripasso di storia”

“Libertà di espressione per tutti? Anche per chi sostiene il valore dei principi fascisti o nazisti? La questione non è semplice”. Piero Graglia, storico, esperto di relazioni internazionali e di integrazione europea, riflette a partire dal caso dello stabilimento balneare di Chioggia (Playa Punta Canna) che inneggia al Ventennio. Graglia spiega che il “fascista convinto” nega “il valore della democrazia e delle libertà classiche della visione liberale”. Ciò che Mussolini chiamava “demoplutocrazie” erano “per lui il coacervo di tutti i mali. Negava i principi democratici, fondando tutto sui principi della gerarchia e del comando illuminato dalla forza e dalla violenza”.  (clicca qui)

Anniversario Srebrenica: don Sacco (Pax Christi), “doveroso ricordare e non dimenticare” perché “le scelte di guerra continuano a essere le più vincenti”

“11 luglio 1995, massacro di Srebrenica. Oltre 8mila persone uccise e sepolte nelle fosse comuni. È doveroso ricordare e non dimenticare. Soprattutto non dimenticare le vittime”. Così don Renato Sacco, coordinatore nazionale di Pax Christi, nel 22° anniversario del massacro di Srebrenica, perpetrato durante la guerra in Bosnia ed Erzegovina. “Molti oggi faranno memoria del massacro di Srebrenica e avranno parole di condanna e impegno perché certe cose non succedano più. Poi però – ammonisce – le scelte di guerra continuano a essere quelle più vincenti”. (clicca qui)

Atti vandalici a busto Falcone: Notarstefano (diocesi Palermo), “la mafia non ce la farà a occupare gli spazi della nostra speranza. Non vincerà”

“Ciò che è successo allo Zen non è certamente dovuto a ‘opera di ignoti vandali’, ma ha un volto: quello di tanti ragazzi e ragazze che si alimentano quotidianamente del brodo velenoso della cultura mafiosa – dice -, che disprezza la giustizia e il rispetto delle regole e diffonde comportamenti orientati alla sfida continua delle istituzioni, del bene comune e, infine, dei più deboli, ossia di se stessi”. Così Giuseppe Notarstefano, direttore dell’Ufficio per i problemi sociali e il lavoro dell’arcidiocesi di Palermo, commenta al Sir il danneggiamento, ieri, del monumento dedicato a Giovanni Falcone che si trova davanti alla scuola intitolata alla sua memoria, a Palermo. “La mafia non ce la farà a occupare gli spazi della nostra speranza. Non vincerà mai”. (clicca qui)

Spiritualità: Santiago di Compostela, incontro dei vescovi di Spagna e Francia. Riflessioni su Cammino e pellegrini. Domani lettera pastorale congiunta

È cominciato stamane a Santiago di Compostela un incontro di vescovi francesi e spagnoli delle diocesi attraversate dal Cammino di San Giacomo. Ad aprire i lavori, dopo la messa, è stato l’arcivescovo di Santiago Julian Barrio. Un intervento su “le relazioni tra la Francia, la cattedrale di San Giacomo e i pellegrini” è stata presentata da Adeline Rucquoi, specialista di storia medioevale della penisola iberica. Nel pomeriggio i vescovi discutono e approvano una “lettera pastorale”, che sarà pubblicata domani. Nei due giorni di incontro i vescovi faranno anche visita ai “luoghi di San Giacomo”. Si tratta del VI incontro tra i vescovi delle diocesi toccate dal cammino di Santiago. (clicca qui)

Incendio sul Vesuvio: don Patriciello (parroco), “una complessità di cause alla base, ma tutelare il territorio è compito delle autorità civili”

“Sono varie le motivazioni alla base degli incendi che in queste ore stanno martoriando la Campania”. Lo dice al Sir don Maurizio Patriciello, parroco a Caivano, zona interessata come molte altre dagli incendi che si stanno sviluppando sull’intero territorio regionale. “Ci sono, innanzitutto, degli incendi boschivi e l’incapacità delle nostre autorità di tutelare il territorio – denuncia il sacerdote -. Ci sono i volontari, i vigili del fuoco, ma non basta. Le autorità civili sanno che tanti incendi si sviluppano a partire dalle sterpaglie. A ciò si aggiungono le immondizie abbandonate, che comuni e Regione non riescono a gestire, eppure noi cittadini campani paghiamo le tasse come gli altri”. (clicca qui. Commenti anche a incendi nel Messinese).

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori