Diocesi: Perugia, conclusa la Visita pastorale del card. Bassetti. Per mons. Giulietti “è stato un cammino molto impegnativo, che ha avviato processi di riforma”

“La Visita pastorale del nostro cardinale arcivescovo è stato un cammino molto impegnativo, perché ha avviato alcuni significativi processi di riforma, a iniziare dai vari ambiti della pastorale, che vanno svolti in comunione tra più comunità parrocchiali nell’essere sempre più Chiesa a dimensione d’Unità pastorale”. Lo ha ribadito, a margine dell’assemblea conclusiva della Visita pastorale alle sette Unità che compongono la prima zona dell’arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve, il vescovo ausiliare, mons. Paolo Giulietti, che è stato coordinatore dell’intera Visita pastorale del cardinale Gualtiero Bassetti iniziata nell’autunno 2013. Tra i temi emersi – si legge in una nota – quello della necessità di “maggiore presenza di giovani tra i volontari delle Caritas parrocchiali e interparrocchiali” per evitare il “rischio estinzione”, la “costituzione del Consiglio pastorale interparrocchiale che sarà il ‘motore’ del cammino dell’Unità pastorale” e la necessità di “razionalizzare e armonizzare il calendario delle celebrazioni feriali e festive”. Previsti anche adeguamenti territoriali di alcune parrocchie, che, ha spiegato mons. Giulietti, “sono emersi durante gli incontri con il Consigli pastorali parrocchiali e con i parroci interessati, perché l’Unità pastorale funziona bene solo se il territorio è già di per sé un po’ integrato. Gli adeguamenti dei territori sono solamente la presa d’atto della realtà e la loro traduzione in termini canonici”. Ai microfoni di Umbria Radio, il vescovo ausiliare ha annunciato che “in autunno ci sarà un’assemblea diocesana” per “indicare come dall’esperienza quadriennale della Visita pastorale l’arcidiocesi si comprende e si pensa per il futuro”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia