Diocesi: Perugia-Città della Pieve, visita pastorale verso la conclusione. Card. Bassetti, “abbiamo bisogno di una Chiesa che integra”

“La Chiesa che emerge dall’Evangelii Gaudium e dall’Amoris Laetitia, è quella che accoglie e accompagna anche tante persone che vivono ai margini. Abbiamo bisogno di una Chiesa che integra”. Lo ha affermato l’arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, il cardinale Gualtiero Bassetti, nel corso dell’assemblea, svoltasi a Torgiano, con la quale si è chiusa la visita nella terza zona “Bassa Valle del Tevere” dell’arcidiocesi. Ai parroci moderatori sono state consegnate “Lettere pastorali conclusive della visita”, illustrate nei loro “aspetti comuni” dal vescovo ausiliare, mons. Paolo Giulietti. Nel corso della visita pastorale – “un cammino che inizia, non finisce”, ha rilevato Bassetti – “sono emerse delle tematiche che sono il contenuto pastorale del nostro cammino di Chiesa attenta, che vuole stare vicino alla gente, inclusiva, che cerca di accogliere tutti, nessuno può essere escluso”. “Se abbiamo letto con attenzione e profondità l’esortazione apostolica Evangelii Gaudium di Papa Francesco – ha aggiunto – comprendiamo l’importanza di una Chiesa accogliente per essere una madre che segue con premura tutti i suoi figli”. “Ho l’impressione che in diocesi, salvo qualche rara eccezione, si sia approfondito poco quest’esortazione apostolica che il Papa ci ha dato come segno di una conversione pastorale”, ha rilevato il cardinale, sottolineando che “mons. Giulietti, nel presentarvi le Lettere pastorali, non ha parlato di aggiustamenti ma di una vita concreta, che deve agganciarsi sempre di più con quella che è la situazione di tutta la gente per essere Chiesa ‘ospedale da campo’, Chiesa in ‘uscita’”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia