This content is available in English

Sant’Agostino: padre Moral (priore generale OsA), “ci aiuti a testimoniare e annunciare con più vigore il Vangelo”

Un invito “a prendere coscienza dell’importanza di incontrare sant’Agostino, il suo pensiero e la sua spiritualità per vivere più intensamente la nostra vita religiosa come figli suoi, con un’identità chiara, che ci aiuti a testimoniare e annunciare con più vigore il Vangelo”. È quello rivolto dal priore generale dell’Ordine di sant’Agostino (OsA), padre Alejandro Moral, in una lettera indirizza a tutta la famiglia agostiniana in occasione della Festa di sant’Agostino. Volendo lanciare un accorato appello ad approfondire la conoscenza dei testi del padre spirituale, Moral richiama il principio agostiniano secondo cui “Non amiamo ciò che non conosciamo, né conosciamo ciò che non amiamo”. Un principio che “ha una grande attualità ed è per noi fonte di preoccupazione”, commenta il priore generale. “La nostra missione – ricorda – è far conoscere sant’Agostino all’uomo di oggi nelle circostanze in cui viviamo. Questo obiettivo sarà impossibile, irrealizzabile, se non leggiamo direttamente le sue opere, se non preghiamo con la sua spiritualità, se non viviamo la sua profonda esperienza della fede”. “Tutto ciò – rileva – ci è arrivato attraverso i suoi scritti. Vi esorto a riflettere oggi su questa idea, a interrogarci, a motivarci, a dedicarvi tempo nella preghiera personale e comunitaria”.
E perché “la solennità di sant’Agostino non sia un giorno qualunque nella vita di ognuno di noi e nelle nostre comunità”, Moral invita ad approfittare “di questa ricorrenza per godere serenamente e profondamente di Dio, della vocazione a cui siamo stati chiamati, della figura del nostro padre sant’Agostino, dei suoi scritti e del suo pensiero, riflettendo su uno dei suoi tanti testi che toccano il cuore”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo