Editoria: Premio San Michele alla rivista “Dialoghi”. De Simone (direttrice), “sfida di cultura popolare e fede che si lascia interrogare dalla vita”

“Il Premio ci rende davvero orgogliosi, ci sprona ad andare avanti in un percorso cominciato diciassette anni fa con la direzione di Luigi Alici prima, di Luciano Caimi e di Piergiorgio Grassi poi, e che ora continua, attraverso l’impegno appassionato e competente del Comitato di direzione, nella costante ricerca intellettuale e nella tessitura di dialoghi, appunto, che ci rendano capaci di fare cultura da credenti”. Pina De Simone, docente di Etica e di Filosofia della religione alla Facoltà teologica dell’Italia meridionale, è direttrice della rivista “Dialoghi” alla quale è stato assegnato il Premio San Michele. La consegna del riconoscimento è fissata per il 30 settembre ad Anacapri. “È la sfida bella e avvincente che l’Ac ha scelto di vivere, anche attraverso questa nostra rivista, di una cultura popolare alta, di una fede – spiega De Simone – che si lascia interrogare dalla storia e dalla vita comune e che per questo diventa fermento, spazio aperto di confronto e di ricerca per tutti”. “La scelta dei temi su cui ragioniamo con firme autorevoli, si lega strettamente a questo intento di fondo. Così ad esempio, nell’ultimo numero appena uscito proponiamo un approfondimento su ‘Orizzonti del desiderio, domande di felicità’”.
La giuria della 34ma edizione, presieduta da Lorenzo Ornaghi, ha deciso di assegnare il Premio Capri-S. Michele – Riviste a “Dialoghi” che si configura come il trimestrale di attualità, fede e cultura promosso dall’Azione cattolica italiana in collaborazione con l’Istituto “Vittorio Bachelet” e l’Istituto “Paolo VI” ed edito dall’Ave. Fra l’altro l’Ave pubblica in questi giorni il decimo “Quaderni di Dialoghi”. “Fede e laicità nel passaggio d’epoca”: questo il titolo del quaderno a cura di Piergiorgio Grassi, con postfazione a firma di Ilvo Diamanti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo