Giovani: card. Sepe (Napoli), “facciamo rete per offrire loro un presente convincente e prospettive incoraggianti”

“Senza i giovani non c’è futuro per il nostro Paese. Diamo loro un segno di vicinanza, di attenzione e di predilezione. Non abbandoniamoli al loro triste destino. Aiutiamoli a capire che con il male e la disperazione tutto è perduto. Sosteniamoli e guidiamoli a recuperare fiducia in se stessi e nella società della quale sono la linfa, la parte vitale”. È bl’invito che ha rivolto il cardinale arcivescovo di Napoli, Crescenzio Sepe, in occasione del Te Deum di ringraziamento in cattedrale, il 31 dicembre. Il porporato ha avanzato una proposta: “Creiamo un tavolo di lavoro, eventualmente permanente come quello per l’ordine e la sicurezza pubblica, magari con il coordinamento del prefetto”.
Per l’arcivescovo, “la mancanza di lavoro è la madre di tutti i problemi. Problema che probabilmente non è estraneo a certi fenomeni gravi come le zuffe e le sparatorie tra ragazzi durante la movida; come le rapine di giovani ai danni di altri giovani; come la vile e gravissima aggressione, subita proprio in questi giorni dal giovane Arturo, ragazzo a modo e innocente, che mi propongo di incontrare presto unitamente alla sua famiglia”. Secondo Sepe, “non si tratta di bravate o di bullismo. Non si tratta di ragazzate. Questa è delinquenza che affonda le sue radici sostanzialmente in quella tendenza al crimine che ha ben altre cause che vanno dalla disgregazione delle famiglie, alla dispersione scolastica, alle amicizie sbagliate, alla cultura della strada per la mancanza o insufficienza dei luoghi che favoriscano la sana aggregazione e la corretta formazione, il confronto, l’emulazione, la buona compagnia”. Qui, prosegue il cardinale, “siamo in presenza di vere baby gang della cui nascita e del loro imperversare ho lanciato l’allarme, ahimè!, in questi ultimi anni e prima ancora nel 2012, allorquando auspicai una legge regionale per gli oratori”.
Non basta solo la “repressione”, “la questione, evidentemente, è ben più grave e seria”: “Bisogna recuperare il ruolo e il valore della famiglia. Bisogna agire sulla educazione dei ragazzi”. Di qui l’invito a “fare rete” e a “operare in sinergia” perché “tutti insieme, scuola, famiglia, forze dell’ordine, Chiesa, istituzioni, possiamo passare dall’analisi alla terapia e aggredire il malessere di una infanzia e di una gioventù che rischiamo di perdere per la mancanza di un presente convincente e di prospettive incoraggianti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa