Carceri: mons. Viganò (Santa Sede), “siano luogo dove mettere alla prova la fede cristiana”

“Le carceri siano il luogo dove mettere alla prova la fede cristiana, che è un’esperienza di misericordia e di speranza”. È l’auspicio espresso da mons. Dario Edoardo Viganò, assessore del Dicastero per la Comunicazione, al termine della conferenza stampa di presentazione di “Liberi nell’arte”, un progetto promosso da Ucsi Molise, Vatican News, Sky, associazione Liberi nell’Arte, ministero della Giustizia e Ispettorato generale dei cappellani con l’obiettivo di favorire la cultura del reinserimento e dell’integrazione sociale dei detenuti attraverso l’arte.
“Ciò che si fa non è un evento, ma la tappa di un percorso di iniziative”, ha sottolineato Viganò.
“L’idea è quella di far conoscere la sofferenza patita dietro le sbarre e superare l’equivoco che porta ad identificare la persona con il suo errore”, gli ha fatto eco Davide Dionisi, del Dicastero per la comunicazione.
“Liberi nell’arte”, che accompagnerà lo svolgimento del Sinodo dei vescovi, è un’iniziativa rivolta al mondo delle carceri, a quelle periferie esistenziali spesso ricordate da Papa Francesco, e prevede quattro momenti artistici insieme all’istituzione di 3 borse lavoro e 2 borse di studio finalizzate al reinserimento dei detenuti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori