Vescovi Bosnia-Erzegovina: da ottobre 2018 Anno missionario

“Nell’autunno del 2019 sarà trascorso un secolo da quando il papa Benedetto XV pubblicò la Lettera apostolica Maximum illud (30 novembre 1919), conosciuta come magna charta dell’attività missionaria in epoca contemporanea e l’inizio di un nuovo periodo di evangelizzazione. In occasione di quell’anniversario, Papa Francesco il 22 ottobre 2017 ha inviato una lettera al card. Fernando Filoni, prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione del Popolo, con cui si pianifica con l’attività missionaria complessiva della Chiesa cattolica. Con questa lettera, il Papa ha proclamato il mese di ottobre 2019 il ‘Mese missionario straordinario’ in tutta la Chiesa, con l’obiettivo di espandere ulteriormente la consapevolezza della missione e un nuovo entusiasmo per la trasformazione missionaria della vita e dell’azione pastorale. L’8 aprile del 2018, il card. Fernando Filoni si è rivolto a tutti i cardinali e vescovi, ai leader della comunità dei credenti di tutto il mondo, incoraggiandoli a rispondere ai desideri del Papa ed attuare la sua iniziativa in modo appropriato”. Lo ricordano i vescovi della Conferenza episcopale della Bosnia ed Erzegovina, nella lettera per l’indizione dell’Anno missionario dall’inizio di ottobre del 2018 fino alla fine di ottobre del 2019 e del Mese missionario straordinario durante ottobre 2019. I presuli, infatti, durante la seduta della loro Conferenza episcopale di quest’anno 2018 a Banja Luka, hanno deciso “di invitare tutti i fedeli, i sacerdoti, i religiosi e le religiose ad unirsi, specialmente con la preghiera e le buone opere, a questi sforzi della Chiesa – la quale, per sua natura, è missionaria – affinché l’attività missionaria si rafforzi nella vita e nella pastorale di tutte le nostre comunità”. “Il nostro impegno a questo riguardo – scrivono i vescovi della Bosnia ed Erzegovina – è ancora più grande, perché tutte le nostre diocesi sono state sotto la diretta giurisdizione della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli per almeno quattro secoli, dal 1622 al 2006, e sono molto grate alla Congregazione per il generoso sostegno e aiuto. Pertanto, uniti all’intenzione e all’opera di tutta la Chiesa, vi invitiamo a sostenere insieme questo nobile proposito di Papa Francesco”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori