Bimbi stranieri esclusi da mensa: Amnesty Lombardia, “sospendere delibera e individuare criteri non discriminatori”

Amnesty International Lombardia ha espresso “preoccupazione” per la delibera approvata dal comune di Lodi, che prevede che ai fini dell’accoglimento della domanda per ottenere le agevolazioni vengano considerati – per i cittadini stranieri – anche i redditi e i beni posseduti all’estero e non dichiarati in Italia. Ai fini di tale certificazione, anche in assenza di beni o redditi, è necessario produrre una certificazione rilasciata dalla competente autorità dello Stato estero (ambasciata o consolato), corredata da traduzione legalizzata dall’autorità consolare italiana che ne attesti la conformità. In una lettera inviata alla sindaca di Lodi, Sara Casanova, il responsabile di Amnesty International Lombardia, Simone Rizza, ha dichiarato che, “in conseguenza di tale disposizione, in molti casi si ha l’impossibilità di attestare una situazione patrimoniale di difficoltà, a carico di una considerevole fascia di popolazione debole e sulla base di un criterio inequivocabilmente discriminatorio. Gli effetti sono di particolare rilevanza se visti in relazione al servizio di mensa e di trasporto pubblico per i bambini delle famiglie colpite dal provvedimento, il cui diritto allo studio e ad una positiva integrazione con i compagni pari età rischiano di essere seriamente compromessi”. Amnesty International Lombardia ha dunque chiesto alla sindaca di “sospendere questa misura al più presto, individuando in via alternativa criteri diversi e comunque non discriminatori”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa