Crollo Ponte Morandi: card. Bagnasco a Tv2000, “Genova ha reagito, usciamo più consapevoli”

“Genova ha reagito, i genovesi hanno reagito innanzitutto con questo stringersi gli uni accanto agli altri, quasi per fare muro di fronte all’immenso dolore e allo smarrimento. Ci sono riusciti, ci stiamo riuscendo e io spero proprio, ne sono convinto, che usciremo da questa situazione forse più attenti, più riflessivi, più consapevoli. È necessario non dividerci ma stare uniti”. Lo ha detto l’arcivescovo di Genova, il card. Angelo Bagnasco, a due mesi dal crollo del Ponte Morandi a Genova, in un’intervista a Tv2000 trasmessa stamattina nel programma “Bel tempo si spera”.

“Tutto quanto il mondo – ha concluso il card. Bagnasco – ha guardato Genova e continua a guardarla con uno sguardo di profonda sorpresa, stupore, smarrimento e partecipazione. Ho ricevuto, come tanti altri, segni di solidarietà e di vicinanza, messaggi da tutto il mondo. Questo vuol dire che è un evento un po’ fuori misura un ponte crollato di queste dimensioni, di questa ampiezza e con questo numero così alto di vittime, credo che sia un evento unico in Italia. La prima cosa da fare è continuare a vivere quel senso di compattezza che immediatamente si è creato con la caduta del Ponte”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa