Madrid: card. Osoro, “un discepolo missionario è sempre in cammino”

“Con Maria, discepoli missionari di Cristo” è il titolo della lettera del cardinale arcivescovo di Madrid, Carlos Osoro, per il nuovo anno pastorale, nel quadro dell’Anno Giubilare Mariano indicato da Papa Francesco per il 25° anniversario della Cattedrale di Santa María la Real de la Almudena. “Stiamo vivendo una nuova era”, in cui, “come la Vergine Maria, vogliamo metterci in fretta in cammino”, con il “desiderio” di “annunciare il Vangelo a tutti gli uomini e le donne che ci vengono incontro”. Il cardinale Osoro ripercorre la storia della Madonna per mostrare che “si comincia a essere un discepolo missionario quando si accoglie Gesù Cristo nella propria vita” e, quando, dopo aver “superato ed eliminato il disorientamento, la nostalgia e la paura”, ci si mette in moto. “Dovunque si trova un essere umano, ci deve essere un discepolo di Cristo”, continua l’arcivescovo di Madrid, che invita a camminare “in tutti i luoghi in cui camminano e vivono gli uomini e le donne”. “Un discepolo missionario è sempre in cammino”, spiega il cardinale, “un discepolo missionario, se non accogliere il Signore nella sua vita, non salterà di gioia”, avverte. “Ascoltare, decidere, agire sono le tre azioni di Maria alle nozze di Cana” e tre sono gli incoraggiamenti che derivano da quel testo che il cardinale commenta a conclusione della Lettera: “Mantenere la speranza”, “lasciarsi sorprendere da Dio”, “vivere la gioia di sapersi amati da Dio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa