Unitalsi: 1.000 in partenza per Lourdes per il pellegrinaggio regionale del Lazio

Prende il via tra oggi e domani il pellegrinaggio dell’Unitalsi del Lazio a Lourdes. Mille persone, in treno e in aereo, arriveranno nel santuario mariano francese accompagnate dal vescovo di Viterbo, mons. Lino Fumagalli. Tra loro ci sono 250 malati, 30 sacerdoti, 15 medici, che fino a domenica vivranno un’esperienza di preghiera, servizio e condivisione. “Partiamo con una forte carica di fiducia, perché il numero di mille partecipanti era per noi inaspettato” riferisce al Sir don Gianni Toni, assistente ecclesiastico della Sezione romana-laziale dell’Unitalsi. “Significa che il passaparola di chi ha partecipato a un pellegrinaggio e lo propone ad altri funziona molto bene. Bisogna essere disponibili nei confronti di quest’esperienza: da un pellegrinaggio si torna sempre cambiati rispetto a come si è partiti” prosegue. Guiderà il pellegrinaggio l’episodio biblico delle nozze di Cana, a cui è dedicato un musical che in questi giorni sarà proposto dai volontari del servizio civile dell’Unitalsi. Il coinvolgimento dei giovani è molto caro all’Unitalsi, che in questi giorni a Lourdes porterà almeno cento persone nella fascia 0-30 anni: “Il pellegrinaggio a Lourdes non è un’esperienza solo per anziani” insiste don Gianni Toni: “Centinaia di giovani volontari quest’anno, grazie all’incontro, con i malati hanno riscoperto il senso vero della vita. Ci sono stati anche studenti delle superiori che hanno vissuto parte della gita scolastica facendo servizio a Lourdes come volontari”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa