Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Forte sisma al largo del Peloponneso, rientrato allarme tsunami. Sciopero generale, venerdì nero in tutta Italia

Grecia: nella notte scossa di magnitudo 6.8 nella costa occidentale del Peloponneso. Rientrato l’allarme tsunami nel mar Jonio

Alle 00.54 di questa notte una violenta scossa di terremoto con magnitudo 6.8 è stata registrata nel mar Jonio. L’epicentro nei pressi dell’isola di Zacinto, in Grecia, al largo della costa occidentale del Peloponneso. Nessuna conseguenza rilevante ma tanta paura anche in Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia perché la scossa non solo si è propagata fino alle coste jonica e adriatrica ma ha fatto tremare la terra su gran parte del Mediterraneo centrale. Diramata a seguito della scossa, l’allerta media per rischio tsunami nel mar Jonio e nel basso Adriatico è rientrata con il passare delle ore visto il progressivo calo del livello del mare di cui era stato registrato un aumento anomalo. Poco prima delle 7 il Centro allerta tsunami dell’Ingv ha diramato il messaggio di “Fine allerta”, “dopo avere verificato che le variazioni del livello del mare fossero tornate ai livelli di prima del terremoto”.

Manovra: nonostante le bocciature il governo tira dritto. Atteso in serata il giudizio di Standard & Poor’s

Sarà un’altra giornata cruciale per la manovra, visto che in serata arriverà il giudizio di Standard & Poor’s, l’agenzia di rating che una settimana dopo Moody’s potrebbe dare una nuova bordata all’Italia con il declassamento del nostro debito pubblico. Dopo la bocciatura arrivata ieri dal governatore della Bce, Mario Draghi, Conte ha incassato l’elogio di Trump che, dopo una telefonata avuta con il premier, ha twittato: “Il primo ministro sta lavorando duramente per l’economia italiana. Avrà successo”. In serata, al termine del Consiglio dei ministri, Conte ha avuto un vertice con i vicepremier Salvini e Di Maio. E se qualcuno nel governo ripete di voler dialogare con la Commissione europea rispetto ai contenuti della manovra per evitare l’avvio di una procedura d’infrazione verso l’Italia, la sensazione è che l’esecutivo giallo-verde non abbia alcuna intenzione di modificarla. Il 2,4% per il rapporto deficit/Pil sembra blindato e le forze di governo faranno quadrato anche sulle misure economiche previste.

Migranti Honduras: Trump valuta chiusura confine Stati Uniti-Messico

Per bloccare l’arrivo di migliaia di migranti honduregni che dopo aver attraversato il Guatemala ora sono in Messico nel tentativo di raggiungere gli Stati Uniti, il presidente americano Trump starebbe valutando di chiudere la frontiera con il Messico attraverso l’emanazione di uno specifico decreto. Lo riferiscono i media statunitensi spiegando che l’obiettivo è quello di impedire l’ingresso negli Stati Uniti agli immigrati, inclusi quelli che potrebbero presentare domanda di asilo. Nella serata di ieri, Trump ha avuto una telefonata con il premier Conte nella quale hanno parlato di “molti argomenti, tra cui il fatto che l’Italia ha ora assunto una linea molto dura sull’immigrazione clandestina”. Su Twitter il tycoon ha detto di essere “d’accordo al 100%” con questa politica aggiungendo che “anche gli Stati Uniti stanno assumendo una linea molto dura sull’immigrazione illegale”.

Servizi pubblici: venerdì nero in tutta Italia per sciopero generale. Disagi per trasporti, sanità e scuola

È un venerdì difficile in tutto il Paese, per i disagi causati dallo sciopero generale di sindacati di base che interessa i settori dei trasporti, della sanità e della scuola. L’agitazione, di 24 ore, interesserà anche i servizi postali e la raccolta rifiuti. Nel trasporto ferroviario lo sciopero è iniziato alle 21 di ieri e proseguirà fino alle 21 di oggi. Garantita la circolazione regolare dei treni ad alta velocità mentre per gli altri treni nazionali i problemi dovrebbero essere limitati. Per quanto riguarda i treni regionali saranno garantiti i servizi essenziali nelle fasce orarie più frequentate dai pendolari (6-9 e 18-21). Disagi ci saranno anche nel trasporto pubblico locale, con fasce garantite differenti nelle diverse città: a Roma fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20, a Milano fino alle 8.45 e dalle 15 alle 18. Manifestazioni convocate da Sgb, Cub, SI Cobas, Usi si svolgeranno a Milano, Torino, Firenze, Roma, Napoli, Taranto, Palermo, Padova, Vicenza, Catania.

Cedimento invaso Ravenna: ritrovato il corpo senza vita del tecnico disperso nel crollo

È stato recuperato nella tarda serata di ieri il corpo senza vita di Danilo Zavatta, 55enne tecnico della Protezione civile, che dal pomeriggio era disperso a seguito del cedimento di una diga-invaso nel fiume Ronco a San Bartolo, nel Ravennate. L’uomo era impegnato nel collaudo di un impianto idroelettrico con altri tecnici e i pompieri, che non sono stati coinvolti nel crollo. Il suo corpo è stato trovato sotto le macerie, grazie al fiuto dei cani utilizzati nelle ricerche.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa