Diritti umani: Rondine alle Nazioni Unite. Levi (rabbino), “offrire un’occasione di crescita all’umanità intera”

(da New York) L’ex rabbino di Firenze Joseph Levi, tra i relatori del convegno “Human Rights and Conflict Transformation”, sponsorizzato da Caritas Internationalis e da Rondine Cittadella della pace a New York in occasione del 70° anniversario della Dichiarazione dei diritti umani, annuncia una collaborazione ufficiale tra la Scuola fiorentina di alta formazione per il Dialogo Interreligioso ed Interculturale (Florence School of Dialogue) e la realtà di Rondine. “Questa collaborazione è necessaria e utile anche al momento che l’Europa sta vivendo – spiega Levi -. I nuovi immigrati, con le loro storie e le loro fedi ci chiedono un cambiamento mentale profondo e, quindi, il riconoscere nello straniero tutte le qualità della persona umana significa offrire un’occasione di crescita all’umanità intera e, per questo, ci affianchiamo all’esperienza di Rondine per cercare con loro quei valori e quell’immagine di divino che queste persone, pur con storie diverse, portano con loro”. Levi, che è anche presidente della Florence School of Dialogue, ha ribadito il suo sostegno all’iniziativa di formare 200 leader di pace per il futuro e ha sottolineato la necessità che il dialogo interreligioso entri nei corsi tenuti a Rondine, perché “è responsabilità delle organizzazioni basate sulla fede dare il nostro contributo alla pace e ai diritti umani”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa