R. D. Congo: Unicef, “nelle regioni orientali i bambini rappresentano più di un terzo dei casi di Ebola”

“I bambini rappresentano più di un terzo dei casi di Ebola nelle regioni colpite della Repubblica Democratica del Congo orientale; un caso di Ebola su dieci riguarda un bambino con meno di cinque anni, mentre i bambini che contraggono il virus Ebola sono a più alto rischio di morire per la malattia rispetto agli adulti”. È quanto denuncia oggi l’Unicef in una nota.
“Siamo profondamente preoccupati per il crescente numero di bambini che hanno confermato di aver contratto l’Ebola”, ha dichiarato il direttore regionale dell’Unicef per l’Africa occidentale e centrale, Marie-Pierre Poirier, di ritorno questa settimana da Beni, uno degli attuali epicentri dell’epidemia. “I bambini colpiti da Ebola – sottolinea Poirier – prima ricevono cure in una struttura sanitaria specializzata, maggiori sono le loro possibilità di sopravvivenza. La mobilitazione della comunità e le attività di sensibilizzazione sono cruciali per garantire una diagnosi precoce e il rapido rinvio dei casi sospetti ai centri di trattamento dell’Ebola”.
L’Unicef evidenzia poi che “l’impatto della malattia sui bambini va al di là delle persone colpite. Quando i genitori (o chi si prende cura di loro), colpiti della malattia, vengono portati nei centri di cura o muoiono, alcuni bambini vengono lasciati da soli”. L’Unicef e i suoi partner hanno finora identificato più di 400 bambini rimasti orfani o non accompagnati a causa del virus. Il crescente numero di bambini separati è legato all’elevato numero di pazienti nei centri di cura di Ebola a Beni e Butembo, gli attuali epicentri della malattia.
Dall’inizio di novembre, da quando il Fondo dell’Onu per l’infanzia ha aperto insieme ai suoi partner, una scuola materna accanto al centro di cura Ebola di Beni sono stati oltre 20 bambini separati e bambini piccoli, di età fino a otto anni, di cui la struttura si è presa cura. “I bambini soffrono molto a causa di questa epidemia – sia quelli che hanno perso i genitori, sia quelli che sono stati colpiti”, ha detto Poirier: “Ecco perché è imperativo che i bambini siano messi al centro della risposta contro Ebola”.
Dall’inizio dell’ultima epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo, l’Unicef e i suoi partner hanno fornito assistenza psicosociale e materiale a 520 famiglie colpite con bambini e sensibilizzato più di 91.000 bambini con messaggi di prevenzione contro Ebola nelle scuole.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa