+++ Vescovi Francia: messaggio al Paese. “Senza sostituirsi ai politici, la Chiesa offre uno spazio per far crescere la fraternità” +++

“Constatiamo che alla nostra democrazia mancano luoghi di scambio e di riflessione che potrebbero consentire l’emergere di risposte positive elaborate insieme”, affermano i vescovi francesi nel documento appena diffuso e relativo alla situazione del Paese. Dieci i prelati firmatari, componenti del Consiglio permanente della Conferenza episcopale francese; la prima firma è di mons. Georges Pontier, arcivescovo di Marsiglia e presidente della Cef. “L’indebolimento di molti partiti politici e un significativo calo del coinvolgimento sindacale contribuiscono a questo deficit. Dove troveranno i nostri cittadini luoghi appropriati per questo lavoro urgente? La Chiesa cattolica ha una rete di migliaia di parrocchie, disseminate in tutto il nostro territorio e ricche della presenza di molteplici movimenti, cappellanie e associazioni di fedeli”. Luogo di preghiera, soprattutto liturgica, specifica il documento, la parrocchia è anche “per sua natura e vocazione” una “casa fraterna e accogliente per tutti” e la “famiglia di Dio, fraternità che ha una sola anima”. “A questo punto della nostra storia, possiamo dimostrarlo e portare il nostro contributo per aiutare la nostra società nel suo complesso a superare la crisi che sta attraversando. Senza sostituirsi ai politici, la Chiesa offre uno spazio per far crescere la fraternità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa