Migranti: Caritas Como, numeri in calo per i minori stranieri non accompagnati accolti nel campo della Croce Rossa

Numeri in calo al centro per migranti in transito di Como. A rivelarlo è la Caritas diocesana di Como che è attiva nel campo – gestito dal Comitato provinciale della Croce Rossa Italiana (Cri) con la supervisione della Prefettura di Como – sul fronte dell’accompagnamento legale. “Nelle ultime settimane – rivelano da Caritas – le presenze sono diminuite sensibilmente: il 26 gennaio 2018 al Centro erano ospitate 197 persone, di cui 19 provenienti da sbarchi (si tratta in prevalenza di famiglie o coppie). Il dato medio vede 95 uomini, 35 donne e 30 minori accompagnati e non accompagnati”. Gli ospiti, di età compresa tra i 20 e i 30 anni, sono in prevalenza eritrei, somali e nigeriani. “Rispetto ai mesi caldi che hanno visto il Centro Cri completamente occupato (con oltre 300 ospiti) – rileva Caritas -, ad oggi la presenza nei 50 moduli abitativi è ridotta. Va detto che in questo periodo dell’anno il calo è anche fisiologico (nei mesi invernali gli arrivi diminuiscono e riprendono in primavera per avere un ‘picco’ in estate). Tanto è vero che è già ipotizzato un aumento delle presenze con l’inizio della primavera”. Guardando il numero colpisce soprattutto il calo dei minori stranieri non accompagnati che erano arrivati ad essere oltre cento nei mesi di maggior afflusso (autunno 2016). “A questo proposito – spiegano da Caritas – occorre ribadire che la Prefettura si sta adoperando affinché i minori non siano presenti al campo per troppo tempo. L’obiettivo è di prestare loro aiuto per alcuni adempimenti per poi essere destinati al più presto nei vari Centri di accoglienza operanti sul territorio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia