Azione Cattolica: Pati e Polenghi, educazione ed evangelizzazione del Paese; la famiglia al centro

(Foto Lucio Bezze)

(Milano) “L’associazione ha portato avanti nel tempo, con costanza, una profonda azione di educazione e di evangelizzazione, contribuendo a plasmare la vita della Chiesa e del nostro Paese”. Luigi Pati, preside della facoltà di Scienze della formazione dell’Università Cattolica, interviene al convegno organizzato nell’ateneo milanese per i 150 anni dell’Azione cattolica. “Oggi vogliamo manifestare gratitudine all’Ac per questo servizio e al contempo riflettiamo sulla necessità di riscoprire e rilanciare l’istanza formativa” in un’epoca “in cui registriamo smarrimento del mondo giovanile, disagio esistenziale, problemi seri relativi alla progettazione del futuro”. Il convegno mostra un’attenzione storica e al contempo s’inserisce nel cammino odierno della Chiesa italiana in vista del prossimo Sinodo per i giovani voluto da Papa Francesco. “Si tratta dunque – secondo Pati – di ripensare e semmai riformulare il nostro impegno e il progetto formativo della stessa Azione cattolica”, con una speciale attenzione alla vita e alla vocazione secolare del laicato. “Un secondo riferimento che l’Ac ci indica in campo formativo è la famiglia”, “attraversata da debolezze e fragilità nei legami matrimoniali e genitoriali”; famiglia che “l’associazione ha sempre considerato luogo privilegiato” per le relazioni intergenerazionali e per l’impegno educativo verso le nuove generazioni.
Simonetta Polenghi, direttrice del dipartimento di Pedagogia dell’Università Cattolica, aggiunge alcune notazioni sulla “storia della formazione delle coscienze che si riverbera nella storia sociale e politica nazionale e nella costruzione della cittadinanza”. La docente riconosce all’Ac “un’attenzione speciale ai giovani, alle donne e agli uomini nella loro interezza e nella loro trascendenza”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa