Carismi: Bruni (economista), bisogna “mantenere il Dna della prima storia, quella del linguaggio dei fondatori”

“Quando un fedele incontra e segue un carisma, ha un riconoscimento, un disvelamento di chi egli stesso è, ma senza un rapporto con il fondatore il carisma non fiorisce”. Lo ha detto l’economista Luigino Bruni, intervenendo, presso la Pontificia Università della Santa Croce, all’incontro “I carismi per il mondo. Fuoco vivo nella storia”, organizzato dal “Gruppo di ricerche di ontologia relazionale” della Pusc. Bruni, che ha trattato il tema “Il capitale narrativo dei carismi nelle età di passaggio”, ha evidenziato il tema della “nevrosi dei carismi”, che ha definito “legge del tramonto entro il mezzodi”, a significare che “il movimento carismatico, quando è al massimo del successo, deve smontare il successo stesso, andare nelle periferie, altrimenti inizia il declino”. Parlando del rinnovamento e dell’aggiornamento dei movimenti, ma soprattutto del suo fondamento sulla Scrittura, Bruni ha evidenziato che “la profezia biblica è la grammatica del movimento carismatico, la Bibbia va studiata in maniera seria, invece purtroppo a volte succede che il movimento diventa Bibbia esso stesso. È la dimensione profetica, che va accanto a quella sacerdotale e regale del popolo”. Fondamentali, per la capacità attrattiva del carisma, “è la narrazione, il racconto delle storie, le testimonianze, perché chi vibra dinanzi a certe storie ha una vocazione. La crisi dei movimenti è non avere più storie capaci di incantare te stesso e gli altri”. Per questo bisogna “mantenere il Dna della prima storia, quella del linguaggio dei fondatori, raccontandola diversamente ma non raccontandone un’altra. Ogni carisma deve chiedersi se sta tradendo la promessa iniziale del fondatore”.
L’incontro era stato introdotto da don Matteo Fabbri, vicario dell’Opus Dei per l’Italia, per il quale “ogni carisma che vivifica la Chiesa si trova a che fare con il fluire della storia. Dobbiamo affrontare queste situazioni con fedeltà al carisma, che però ha sempre bisogno di essere incarnato”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo