Editoria: “Rogate ergo”, il numero di marzo dedicato a “cercare la verità”

“Il dibattito intorno a Facebook e alle fake news ha assunto toni particolarmente accesi nelle ultime settimane. È cresciuta la consapevolezza di quanto essi siano capaci di influenzare le nostre scelte, non solo politiche e commerciali, ma anche esistenziali”. Per evidenziare questo rischio, che “si può infiltrare anche nei processi vocazionali”, il numero di marzo della rivista “Rogate ergo” offre spunti e suggerimenti di esperti del mondo giovanile, come don Armando Matteo e Giuseppe Savagnone, e di moralisti, come Sabatino Majorano e Antonio Donato. “Il chiedersi ‘io chi sono’, primo passo verso la verità – si legge in una nota –, trova ostacoli nei modelli lontani dalla verità, spesso veicolati dalle fake news, che minano la capacità di discernere il vero dal falso e di cogliere il senso profondo della vita”.

“Modelli a cui guardare sono, invece, i testimoni che in ogni epoca hanno difeso e difendono la verità dalle falsità, talvolta fino al sacrificio della propria vita”. “Rogate ergo” affronta l’argomento in uno speciale a firma del giornalista Angelo Montonati. La lunga carrellata di testimoni parte da sant’Ireneo, che nell’opera fondamentale, “Contro le eresie”, confutò i sistemi gnostici del secondo secolo cristiano, e poi da sant’Agostino, che lottò contro i donatisti e contro l’eresia pelagiana. Vengono tratteggiate numerose altre figure di difensori della verità, come san Bernardo, san Domenico, san Tommaso d’Aquino, santa Caterina da Siena, san Tommaso Moro, san Francesco di Sales, sant’Alfonso, san Pio X e santa Teresa Benedetta della Croce (Edith Stein). Completano il numero di marzo della rivista alcune voci laiche di cercatori della verità, assai noti nel mondo della canzone: Bob Dylan, Vasco Rossi, Ligabue e Zucchero.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori