Papa Francesco: messa crismale, declinare “vicinanza spirituale” è “guardare l’altro negli occhi” e permettere al peccatore di “andare avanti”

foto SIR/Marco Calvarese

Declinare la “vicinanza sacerdotale” in tre ambiti: “L’ambito dell’accompagnamento spirituale, quello della Confessione e quello della predicazione”. Si è conclusa con questo invito l’omelia della messa crismale presieduta oggi dal Papa nella basilica di San Pietro.
“La vicinanza nel dialogo spirituale la possiamo meditare contemplando l’incontro del Signore con la Samaritana”, ha spiegato Francesco: “Il Signore le insegna a riconoscere prima di tutto come adorare, in Spirito e verità; poi, con delicatezza, la aiuta a dare un nome al suo peccato; e infine si lascia contagiare dal suo spirito missionario e va con lei a evangelizzare nel suo villaggio. Modello di dialogo spirituale, questo del Signore, che sa far venire alla luce il peccato della Samaritana senza che getti ombra sulla sua preghiera di adoratrice né che ponga ostacoli alla sua vocazione missionaria”. La vicinanza nella Confessione, secondo il Papa, “la possiamo meditare contemplando il passo della donna adultera. Lì si vede chiaramente come la vicinanza è decisiva perché le verità di Gesù sempre avvicinano e si dicono, si possono dire sempre, a tu per tu. Guardare l’altro negli occhi – come il Signore quando si alza in piedi dopo essere stato in ginocchio vicino all’adultera che volevano lapidare e le dice: ‘Neanch’io ti condanno’ – non è andare contro la legge. E si può aggiungere: ‘D’ora in poi non peccare più’, non con un tono che appartiene all’ambito giuridico della verità-definizione – il tono di chi deve determinare quali sono i condizionamenti della misericordia divina – ma con un’espressione che si dice nell’ambito della verità-fedele, che permette al peccatore di guardare avanti e non indietro. Il tono giusto di questo ‘non peccare più’ è quello del confessore che lo dice disposto a ripeterlo settanta volte sette”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori