This content is available in English

Polonia: Istituto Cbos, 25 milioni di persone si confessano per Pasqua. Il valore del digiuno

Per Pasqua oltre 25 milioni di polacchi si accosteranno al sacramento della penitenza, informa l’ufficio stampa della Conferenza episcopale di Varsavia basandosi sui dati dell’Istituto di analisi dell’opinione pubblica Cbos, secondo il quale alla confessione pasquale parteciperà più del 67 per cento della popolazione. La Chiesa polacca “fa di tutto affinché a nessuno venga preclusa la possibilità di riconciliarsi con Dio”, sottolinea il portavoce dei vescovi don Pawel Rytel Andrianik, rilevando la portata del programma “Notte al confessionale” che prevede l’apertura delle chiese per coloro che non hanno tempo di recarvisi nell’arco della giornata. Don Rytel Andrianik sottolinea che il numero maggiore delle adesioni all’iniziativa riguarda la notte tra il Venerdì e il Sabato santo. Secondo Cbos per il 44 per cento dei polacchi la Pasqua è “un evento religioso”, mentre la maggioranza (67%) lo considera “una festività da vivere in famiglia”. Nel periodo della Quaresima la metà della popolazione ha limitato alcune gratificazioni abituali come guardare la tv, andare a ballare o al cinema, ascoltare la musica. Il Venerdì santo l’85 per cento dei polacchi si astiene dall’ingerire alimenti a base di carne. Il rispetto del digiuno del Venerdì santo riguarderebbe anche i cattolici non praticanti che “apprezzano le usanze tradizionali” come la benedizione dei cibi effettuata nelle chiese il Sabato santo o lo spezzare delle uova pasquali in occasione dello scambio d’auguri.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori