Pasqua: mons. Brunetti (Alba), “possiamo trovare il Risorto a Marsabit, in ospedale, carcere e case per anziani e malati”

“La realtà africana di Marsabit, l’ospedale, il carcere, le case di ospitalità per anziani e malati e altre situazioni di fragilità mi hanno fatto toccare con mano e vedere con i miei occhi la presenza del Signore risorto e mi sono detto che questi sono i luoghi in cui lo possiamo cercare”. Così mons. Marco Brunetti, vescovo di Alba, si rivolge ai fedeli della diocesi, soprattutto ai più giovani, nel suo messaggio augurale di Pasqua. Così, prosegue, “pure l’impegno dei missionari, degli operatori pastorali con i detenuti, i malati e gli anziani mi fanno dire che Gesù è vivo e dona speranza e fiducia al mondo intero”.
Continua il vescovo: “Auguro a tutti, ma in particolare ai giovani, di essere attenti all’incontro personale con Gesù risorto e farsi annunciatori coerenti, senza compromessi, certi della promessa di fedeltà del Signore. In questo tempo di Pasqua, troviamo il modo di condividere con qualcuno la gioia di aver incontrato il Risorto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa