Via Crucis: seconda stazione, la “docilità” di Gesù e la ribellione dei giovani

La docilità di Gesù, caricato della Croce e coronato di spine, e la ribellione tipica delle nuove generazioni. La seconda stazione della Via Crucis, commentata da un gruppo di ragazzi e ragazze di un liceo romano, si muove per contrasto: “Quante volte mi sono ribellata e arrabbiata contro gli incarichi che ho ricevuto, che ho avvertito come pesanti o ingiusti. Tu non fai così. Sei solo di qualche anno più grande di me, oggi si direbbe che sei ancora giovane, ma sei docile, e prendi sul serio quello che la vita ti offre, ogni occasione che ti si presenta, come se volessi andare fino in fondo alle cose e scoprire che c’è sempre qualcosa di più di quello che appare, un significato nascosto e sorprendente”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa