Alfie Evans: appello dei genitori alla regina, “proteggere la vita e la libertà”

Non si ferma la battaglia di Thomas Evans, padre del piccolo Alfie di 23 mesi ricoverato nell’ospedale pediatrico Alder Hey Hospital a Liverpool, per ottenere che al figlio non vengano fermate le macchine che lo tengono in vita e possa essere trasferito in un altro ospedale. Dopo il respingimento del ricorso da parte della Corte suprema venerdì scorso, i medici dell’Ospedale possono procedere con la sospensione dei trattamenti. Thomas si è rivolto alla Regina per chiederle di “proteggere la vita e la libertà” di Alfie. In una petizione lanciata ieri, domenica, scrive il padre che le decisioni dei giudici sono “ordini crudeli non autorizzati da alcuna legge mai approvata in un Parlamento democratico” mentre invece essi “fingono di esercitare l’antica giurisdizione autocratica di Vostra Altezza sulla vita e la morte dei sudditi”. “Come sudditi leali, ci rifiutiamo di credere che Vostra Maestà mai ordinerebbe siano compiute simili azioni malvage e denunciamo la condanna a morte e l’imprigionamento di Alfie come un’usurpazione sediziosa contro Vostra Maestà e la legge del Paese” si legge nel testo della Petizione. “Non c’è più tempo da perdere”: si attenderà “pazientemente la protezione e la giustizia regale di Vostra Maestà”, ma intanto l’“esercito di Alfie” non smetterà di manifestare di fronte all’ospedale e di fare “tutto il possibile per difendere Alfie da tutti coloro che si preparano a togliergli la vita nelle prossime ore / giorni”. In un’altra comunicazione Thomas Evans ha informato tra l’altro che se suo figlio morirà, avvierà “procedimenti giudiziari privati contro ogni singola persona” coinvolta: “Non basta, di fronte alla legge e alla coscienza” dire che si sono “semplicemente eseguiti degli ordini”. “Voi dite che togliere il sostegno vitale a un bambino malato è un atto medico umano, io dico che è un omicidio”. “Dite che state agendo nell’interesse superiore del bambino. Forse anche il re Erode ha usato quella frase”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo