Alfie Evans: sospesa la procedura per staccare le macchine. Ancora un invito a pregare da parte del padre

Ancora sospesa la sorte del piccolo Alfie. L’ora per staccare le macchine era le 12, rimandata alle 13.30 e poi ancora rinviata. Poiché “l’ospedale non ha proceduto secondo il programma di estubazione alle 12 ora devono tornare di fronte dal giudice Hayden, perché stanno ufficialmente compiendo una violazione”, ha scritto poco fa sul gruppo di Facebook dell'”Esercito di Alfie” un amministratore. Le macchine saranno staccate “tra un’ora o due” aveva detto papà Thomas in un video girato intorno alle 15, in ospedale, mentre tiene in mano una denuncia già pronta contro l’ospedale e singoli medici, nel caso in cui effettivamente procedano con la sospensione dei trattamenti. Il papà parla anche della possibilità di ottenere un visto diplomatico per Alfie per l’Italia e di “alcune telefonate” che vuole fare in Italia. “Dobbiamo pregare tanto”, dice ancora il papà. Dai familiari del piccolo Alfie è stato chiesto ai manifestanti di fronte all’ospedale di restare nel giardino antistante e non interferire con le attività della struttura pediatrica.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo