Televisione: Rai Vaticano, lunedì 30 aprile nel “Viaggio nella Chiesa di Francesco” l’esortazione “Gaudete et Exsultate” e i luoghi di don Tonino Bello

Sarà il video realizzato da Vatican Media per diffondere nel mondo l’esortazione apostolica di Papa Francesco “Gaudete et Exsultate” ad aprire la puntata di “Viaggio nella Chiesa di Francesco”, il programma di Rai Vaticano, in onda lunedì 30 aprile alle 2.00 su Rai Uno (replica domenica 6 maggio alle 12.30 su Rai Storia e per l’estero Rai Italia). Nel programma di Massimo Milone, regia di Nicola Vicenti, spazio anche ad un viaggio in Puglia sulle orme di don Tonino Bello, la cui terra natale è stata visitata da Papa Francesco.
“Viaggio nella Chiesa di Francesco” accenderà poi i riflettori su due realtà sanitarie e scientifiche di ispirazione cristiana. A Roma i venticinque anni dell’Università Campus Biomedico, voluta dal fondatore dell’Opus Dei, Josemaría Escrivá de Balaguer. Dice il rettore, Raffaele Calabrò: “Qui al centro delle scienze bio-mediche c’è innanzitutto il valore della persona”. Immagini anche da San Giovanni Rotondo nella Casa Sollievo della Sofferenza, la grande “Opera terrena” come la definì Padre Pio, il santo che la volle fortemente. Oggi l’Ospedale è all’avanguardia non solo per un’assistenza a dimensione umana, ma per la ricerca scientifica. Spiega Angelo Vescovi, direttore scientifico: “Sono in corso ricerche avanzate sulle patologie neurodegenerative. Produciamo cellule celebrali umane prendendole dal paziente stesso. Sembra fantascienza raccontarla. Ma in un paio di anni la sperimentazione ce l’avremo in clinica”.
Nella puntata si parlerà del Cammino neocatecumenale, che il 5 maggio, a Tor Vergata, festeggerà con Papa Francesco i 50 anni di presenza a Roma. Il fondatore, Kiko Arguello, in un’intervista afferma che “Papa Francesco ci esorta a seminare il Vangelo con allegria e senza riserve, con fede e umile obbedienza”.
Infine il programma proporrà immagini da Betlemme, dove è in corso la produzione di un milione e mezzo di rosari che saranno destinati ai giovani partecipanti alla Giornata mondiale della Gioventù del prossimo anno a Panama. Li producono persone bisognose, profughi, famiglie di detenuti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo