Concistoro: mons. Crociata (Latina), cardinalato a mons. Petrocchi “segno di attenzione alla sua persona e al suo servizio nella martoriata L’Aquila”

“La scelta di Papa Francesco è un segno di singolare attenzione alla sua persona e al servizio svolto in questi anni nella martoriata arcidiocesi de L’Aquila, ma costituisce anche un riconoscimento per il ministero episcopale sviluppato per lunghi anni nella nostra Chiesa pontina”. Lo scrive il vescovo di Latina-Terracina-Sezze-Priverno, mons. Mariano Crociata, in un messaggio di auguri rivolto al suo predecessore mons. Giuseppe Petrocchi, che sarà creato cardinale il prossimo 29 giugno da Papa Francesco. “Ci sentiamo in maniera speciale partecipi della festa della Chiesa per la sua nomina, che rinnova in noi il senso di riconoscenza per l’opera pastorale svolta a Latina, dove ha lasciato una impronta profonda e duratura”. Dal vescovo il desiderio di “far giungere al cardinale eletto, assieme al nostro caloroso augurio, la preghiera per il suo ministero episcopale e per il nuovo impegno ecclesiale accanto al Santo Padre a favore della Chiesa universale, in attesa di potergli porgere personalmente il nostro carico di stima e di affetto in occasione di un incontro che ci disponiamo a preparare e realizzare”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo