Incontro Bari: mons. Cacucci, “contro la congiura del silenzio ascoltare l’invocazione che viene dai cristiani” perseguitati

(da Bari) “Il Papa esprime con dolore la difficoltà di accettare questa congiura del silenzio” che avvolge il tema della persecuzione dei cristiani. “Credo che una delle motivazioni dell’incontro sia proprio quella di ascoltare l’invocazione che viene da queste popolazioni”. È quanto afferma al Sir l’arcivescovo di Bari, mons. Francesco Cacucci, parlando dell’incontro di Papa Francesco con i Capi delle Chiese e delle Comunità cristiane del Medio Oriente che avrà luogo domani nel capoluogo pugliese. “I Patriarchi non si sentono ascoltati – dice il presule – Ciò che accade a due passi da noi pare che non esista. L’incontro di Papa Francesco con i capi delle Chiese del Medio Oriente dona visibilità e aiuta a mettere a tema il problema della condizione dei cristiani e del loro martirio. Tuttavia – annota mons. Cacucci – vanno tenute presenti anche le sofferenze di sunniti, sciiti, yazidi e altre minoranze. La guerra non fa caso alle confessioni. Prima delle guerre, in Iraq e in Siria esisteva una convivenza pacifica. La guerra è la radice dei mali di oggi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa