Crollo ponte a Genova: card. Bagnasco, “guardare avanti e riscattarci da questa grande sciagura”

(da Genova) Al termine dei funerali solenni celebrati alla Fiera del Mare di Genova per le vittime del crollo del ponte Morandi in Valpolcevera, il card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova, ha detto ai giornalisti: “Dobbiamo guardare avanti e riscattarci da questa grande sciagura che ha toccato tante persone. I genovesi ce la faranno. Sono stato sul luogo della tragedia e ho incontrato i Vigili del fuoco e i vari soccorritori che da giorni incessantemente svolgono il loro encomiabile lavoro. Un esempio per tutti!”. “In queste circostanze – ha aggiunto – ci rendiamo conto che siamo fragili e che la vita non è nelle nostre mani: dobbiamo imparare tutti ad essere più umili e capaci di camminare più insieme”. Un accenno poi alla telefonata ricevuta da Papa Francesco: “Mi ha chiamato ieri sera e ha avuto parole di grande vicinanza e di grande affetto; ha assicurato la sua preghiera e questo per noi è una grande consolazione, come olio sulle ferite”. Un accenno poi all’incontro con i parenti delle vittime: “Li ho ascoltati. In questi casi, più che le parole, è importante saper ascoltare, stare vicino, avere gesti che umilmente e semplicemente esprimano quello che le parole non riescono sempre a dire”. Infine, una certezza: “Genova non si piegherà, lo ha anche recentemente dimostrato nelle alluvioni e nella tragedia del Molo Giano. Però a condizione che tutti ci diamo una mano, anzi che tutti ci teniamo per mano. Insieme ce la faremo!”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia