Giovanni Paolo II: Alba celebra i 40 anni dell’elezione a pontefice. In programma iniziative per tutto l’autunno

Conferenze, manifestazioni, un convegno e un concerto. È ricco il programma di eventi con il quale la città e la diocesi di Alba celebreranno, a partire dall’8 settembre, i 40 anni dall’elezione a pontefice di san Giovanni Paolo II. Tutti gli appuntamenti sono stati presentati questa mattina nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il vescovo di Alba, mons. Marco Brunetti, l’assessore Luigi Garassino e Roberto Cerrato, segretario del Comitato Giovanni Paolo II. Il vescovo Brunetti ha sottolineato come “la devozione a san Giovanni Paolo II, indimenticabile pastore della Chiesa universale è particolarmente sentita nella nostra diocesi albese”. Nel ricordo di san Giovanni Paolo II, mons. Brunetti ha manifestato anche l’intenzione di compiere un gesto di solidarietà: si era pensato all’accoglienza di quattro profughi sbarcati in Italia sulla nave Diciotti, ma nel frattempo la Caritas ha comunicato che sono stati tutti accolti da altre diocesi, per cui si valuterà un altro intervento caritativo.
Dopo l’inaugurazione della mostra fotografica dedicata a san Giovanni Paolo II sabato 8 settembre, alle 17 nella chiesa di San Giuseppe, sarà don Armando Matteo ad aprire la serie di conferenze. La sera del 17 settembre parerà di “Tutti giovani nessun giovane. Il divenire del popolo dei giovani: le attese disattese”. Il 28 settembre, alle 21, è invece in programma il concerto di Ron. Sarà dedicato a “Non abbiate paura! Anzi spalancate le porte a Cristo” il convegno del 13 ottobre al quale interverranno padre Federico Lombardi, Lucetta Scaraffia, Giancarlo Giuliani e Luigi Accattoli, moderati da don Antonio Sciortino. Sempre il 13 ottobre, alle 16.30, si svolgerà la cerimonia di intitolazione della piazzetta a San Giovanni Paolo II, con lo svelamento del monumento e visita alla mostra. A seguire, in cattedrale, la celebrazione eucaristica in onore di san Giovanni Paolo II, presieduta dall’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia.
Chiuderanno il programma tre conferenze: quella di don Vinicio Albanesi su “Se dico sì. Amore e responsabilità. Rischi e sfide, trappole e tesori nel romanzo della famiglia” (19 ottobre), quella di Stefano Zamagni su “Economia 4.0. Finanza carnivora, managers azzoppati, imprenditori esodati” (5 novembre) e quella di Andrea Riccardi su “Il polacco europeo: vescovo, poeta e drammaturgo, filosofo e teologo. Linee per una storia tra due millenni” (16 novembre).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo