Università Cattolica: Milano, “conoscenza, coraggio, umiltà”. Lectio magistralis di Mario Draghi che oggi ha ricevuto laurea honoris causa

“Fra poche settimane si concluderà il mio mandato di presidente della Banca centrale europea. È una occasione per sollevare lo sguardo dalle incombenze quotidiane, per riflettere sull’esperienza fatta nella speranza che le lezioni apprese possano essere utili per altri”. Così Mario Draghi, nella lectio cathedrae magistralis tenuta all’Università Cattolica di Milano dove è stato insignito della laurea honoris causa. Concentrando la sua lezione sulla natura delle responsabilità del policy maker, il presidente della Bce ha detto: “Vorrei oggi condividere con voi quelle che mi paiono caratteristiche frequenti nelle decisioni che consideriamo ‘buone’: la conoscenza, il coraggio, l’umiltà”. A conclusione della lectio, l’augurio che “molti studenti di questa università decidano un giorno di mettere le loro capacità al servizio pubblico”. “Se deciderete di farlo, non dubito che incontrerete ostacoli notevoli, come succede a tutti i policy maker. Ci saranno errori e ritirate perché il mondo è complesso. Spero però che vi possa essere di conforto il fatto che nella storia le decisioni fondate sulla conoscenza, sul coraggio e sull’umiltà hanno sempre dimostrato la loro qualità”. “È nel modo in cui ha condotto la Banca centrale europea nella tempesta che la moneta unica ha attraversato in questi anni il suo contributo più significativo”, ha detto introducendo la cerimonia il rettore Franco Anelli. “Mario Draghi ha contribuito in modo unico alla costruzione di un’Europa unita”, si legge tra l’altro sulle motivazioni con cui la Facoltà ha inteso attribuirgli il riconoscimento accademico.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo