Sinodo per l’Amazzonia: p. Josumar (Orionini Brasile del Nord), “nuovi avamposti dell’Opera don Orione nella regione”

“Proprio in questi due mesi stiamo aprendo due nuovi avamposti missionari in Amazzonia: nella città di Candeias do Jamari, nello Stato di Rondonia, e vicino a Boa Vista, capitale dello Stato di Roraima. E poi continua il lavoro di sostegno e di solidarietà con i venezuelani che passano il confine”. Lo dice padre Josumar Dos Santos, superiore provinciale degli Orionini del Brasile del Nord, in merito all’impegno nella regione alla luce del Sinodo per l’Amazzonia in corso in Vaticano. “Abbiamo mandato due nostri sacerdoti nella città di Pacaraima per collaborare con la diocesi nel sostegno materiale e spirituale della moltitudine di persone che attraversano il confine per cercare fortuna in Brasile – riferisce il religioso -. Ci siamo presi cura di 1500/1600 persone che ogni giorno passano il confine con le loro poche cose e bisognose di tutto. Diamo un pasto e qualche aiuto; li confortiamo”. Soffermandosi sul flusso enorme di persone al confine tra Venezuela e Brasile, padre Josumar Dos Santos spiega che non si è fermato. E l’impegno dell’Opera si concentra anche nella periferia di Boa Vista. “Stiamo iniziando ora in un’area pastorale sprovvista di sacerdoti, dove c’è grande povertà religiosa. Per lo più sono emigrati; hanno perso le loro radici e le loro tradizioni. Ci sono molte sette evangeliche e i cattolici sono una minoranza. Pensiamo anche di aprire un’opera educativa per i bambini e ragazzi molti dei quali sono per le strade privi di cura”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo