Bioetica: Università Cattolica, domani a Roma convegno su medical humanities e formazione dei medici e dei professionisti sanitari

“Il contributo delle Medical Humanities nella formazione dei professionisti sanitari” è il titolo del convegno che si terrà domani al Centro Congressi Europa del Campus di Roma dell’Università Cattolica, promosso dall’Istituto di bioetica e medical humanities della Facoltà di medicina e chirurgia dell’Ateneo e dall’Associazione italiana di sociologia (sezione Sociologia della salute e della medicina), in collaborazione con il Centro di ateneo di bioetica e scienze della vita (Largo F. Vito, 1). Il convegno sarà aperto, fra gli altri, dal rettore Franco Anelli, dall’assistente ecclesiastico generale mons. Claudio Giuliodori e da Giovanni Raimondi, presidente Fondazione Policlinico universitario Agostino Gemelli Irccs. Dopo due relazioni introduttive su ruolo e significato delle Medical humanities nella formazione medica, il convegno si snoderà attraverso due tavole rotonde sulle esperienze già realizzate in alcune Università italiane, ma anche sul contenuto di alcuni insegnamenti che delle Medical humanities sono parte: arte, letteratura, storia, cinema, musica. “Le Medical humanities – spiega Antonio G. Spagnolo, direttore dell’Istituto di bioetica e medical humanities – devono diventare sempre più un percorso fondamentale dei curricula formativi dei futuri professionisti in area sanitaria”. Tuttavia, “nonostante la consapevolezza diffusa su questo contributo essenziale, lo spazio che queste discipline occupano nei corsi di insegnamento di area medica resta ancora marginale”. Auspicabile, conclude, “un intervento congiunto del Miur e del ministero della Salute per favorire una offerta formativa in questo senso”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo