Incontro abusi in Vaticano: padre Zollner, “le procedure non cambieranno magicamente il problema. Occorre un cambiamento nell’atteggiamento”

“Dobbiamo essere chiari nelle procedure per quanto possibile ma questo non risolverà magicamente un problema che è radicato in una realtà molto più profondamente di quello che noi immaginiamo”. Lo ha detto padre Hans Zollner parlando, questa mattina, ad un punto stampa, organizzato a Roma dalla Pontificia Università della Santa Croce, dell’Incontro sulla protezione dei minori che si terrà in Vaticano, dal 21 al 24 febbraio. “Molte persone ritengono che con una nuova legge si possano risolvere i problemi. Abbiamo bisogno di norme, di un cambiamento giuridico all’interno della Chiesa ma le riforme che Papa Benedetto XVI ha introdotto nel 2001 e nel 2010 di per sé basterebbero per trattare tutti questi casi”. La questione – ha sottolineato il gesuita – è capire “come arrivare al cambiamento dell’atteggiamento e questo è molto più difficile che cambiare una legge e poi pensare che questo sia una soluzione. E questa è anche la ragione della delusione dei cattolici negli Stati Uniti” che avevano pensato che con l’introduzione di nuove norme “tutto fosse risolto e invece non è stato così, perché ci vuole la volontà concreta e pro-attiva per mettere in atto anche lo spirito della legge e questa è una linea importante su cui lavorare”. Papa Francesco – ha assicurato padre Zollner – sarà presente a tutti i momenti dell’incontro in Vaticano. “S’interessa molto, è impegnato e segue da vicino tutta la preparazione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa