Diocesi: mons. Gristina (Catania) su dissesto finanziario del Comune, “necessaria un’azione sinergica per la costruzione di una rete solidale”

“Le difficoltà che viviamo ci impongono di dare il meglio di noi stessi, ognuno di noi deve fare il possibile per la nostra città e per il nostro territorio”. Lo ha detto l’arcivescovo di Catania, mons Salvatore Gristina, che chiama la città a un “Patto di corresponsabilità”. Dopo la presentazione, in occasione della Pasqua appena trascorsa, del documento “Voi restate in città”, il presule ha invitato i rappresentanti del mondo produttivo, sindacale, delle cooperative e delle associazioni a un confronto con le istituzioni. Lo scopo è quello di “aprire un dialogo costante per trovare soluzioni e proposte da realizzare in sinergia con l’amministrazione comunale, per dare una risposta concreta alla crisi che continua ad attanagliare il nostro territorio, aggravata dal dissesto finanziario di Palazzo degli elefanti, sede del Comune di Catania”. Tra coloro che hanno risposto all’appello dell’arcivescovo, il sindaco di Catania Salvo Pogliese, che ha presentato un quadro dettagliato della difficile situazione che la città sta attraversando, facendo notare ed avvertendo che “se il governo nazionale non si dovesse mobilitare, una vera e propria bomba sociale potrebbe esplodere in città”. “Certamente questo è un momento – ha sottolineato mons. Gristina – che viviamo insieme, un buon auspicio per questo patto di corresponsabilità che vogliamo incoraggiare. Un momento che ci deve vedere uniti, con le nostre competenze e capacità, con le nostre professionalità, per un impegno comune. Questo incontro va letto in prospettiva di un’azione sinergica per la costruzione di una rete solidale da realizzare col contributo di tutti”. Presenti all’iniziativa anche rappresentanti sindacali, di categoria e del mondo delle associazioni.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa