Papa Francesco: ai presidenti dell’Unione Province d’Italia, “promuovere una più acuta e consapevole sensibilità ambientale”

“Promuovere e diffondere una più acuta e consapevole sensibilità ambientale. Occorre che sia sempre più avvertita, tanto dai singoli cittadini quanto dai loro rappresentanti nelle istituzioni, l’importanza della cura della casa comune intesa in tutti i suoi risvolti”. Lo ha detto Papa Francesco ai presidenti dell’Unione Province d’Italia, ricevuti stamani in udienza nel Palazzo Apostolico Vaticano. Il pontefice ha poi ricordato “gli ambiti nei quali attualmente le Province in Italia dispiegano le loro competenze”, cioè “la cura degli interventi a difesa del suolo e del consolidamento delle aree a rischio, quello della viabilità di una capillare rete stradale che collega tra loro piccoli e piccolissimi centri con le città più grandi, e quello della gestione delle scuole secondarie superiori, assicurandone sicurezza e funzionalità”. Francesco ne ha riconosciuto i compiti: “Assicurare che le condizioni ambientali del territorio come quelle delle strade e delle scuole non si deteriorino per trascuratezza, per mancanza della necessaria manutenzione, per indolenza nell’adottare i provvedimenti indispensabili ad evitare il degrado ambientale o strutturale ed i pericoli che a questo sono connessi”. Un’azione che presuppone – ha evidenziato il pontefice – “una capacità progettuale”, un “costante impegno” e “un’adeguata disponibilità delle risorse necessarie a espletarne regolarmente i compiti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa