Migranti: Milano, anche il dramma dei morti nei naufragi nel Mediterraneo al centro dell’incontro “Dare un nome ai corpi per conoscere la storia”

“Dare un nome ai corpi per conoscere la storia” è il titolo dell’incontro che le Fondazioni Ambrosianeum e Matarelli organizzano per oggi pomeriggio, a partire dalle 17.30, nella Sala Falk della Fondazione Abrosianeum a Milano. Al tavolo dei relatori siederanno Cristina Cattaneo, antropologa forense, e Fabio Slavazzi, archeologo. Sullo sfondo l’orrore dei 15mila morti senza nome che hanno perso la vita negli ultimi anni nel Mediteranno. Dare un volto e un nome ai corpi costituisce da sempre un’esigenza primaria dell’essere umano e permette di scoprire storie – antiche e recenti – molto interessanti. È proprio per questo che Ambrosianeum e Fondazione Matarelli hanno invitato all’incontro due dei massimi esperti del settore, perché parlino del loro lavoro e delle loro scoperte. Ad introdurre e coordinare gli interventi sarà Paolo Galimberti, direttore del Servizio beni culturali del Policlinico di Milano. Cristina Cattaneo affronterà il tema “Naufraghi senza volto: le vittime del Mediterraneo”, mentre Slavazzi parlerà de “Il sepolcreto nella chiesa dell’Annunciata dell’ospedale maggiore di Milano”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa