Web: don Di Noto (Meter), “bisogna evangelizzare, transumanesimo sfida del futuro”

Il web? “Una grande comunità anarchica, composta da singoli gruppi anonimi sparsi in tutto il mondo”, con “dimensioni sovrumane”. Ne è convinto don Fortunato Di Noto, fondatore dell’Associazione Meter, per il quale “il transumanesimo è la sfida incontrollabile del futuro dell’umanità”. “Vale la pena, come dice il Santo Padre di evangelizzare sul web”, ha spiegato il sacerdote intervenendo all’incontro di formazione promosso a Palermo, nella sede dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia, in occasione della Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, al quale hanno preso parte mons. Corrado Lorefice, arcivescovo di Palermo, Giulio Francese, presidente Odg Sicilia, Giuseppe Rizzuto, segretario provinciale Assostampa, Michelangelo Nasca, presidente dell’Ucsi Palermo, Domenico Interdonato, presidente dell’Ucsi Sicilia. Internet, ha rilevato don Di Noto, “ha cambiato le storie degli uomini e della società”. “Questo mondo – ha aggiunto – sta letteralmente cambiando l’uomo, anche sul piano della fede. Sean Parker, tra i fondatori di Facebook, diceva che noi abbiamo una grande responsabilità che non abbiamo capito prima. Non abbiamo compreso cosa sta modificando nei cervelli dei bambini il mondo digitale”. Secondo il fondatore dell’Associazione Meter, inoltre, “Internet non ha favorito il giudizio, ma ha amplificato il cattivo giudizio”. “Dietro un contatto c’è una storia umana. E se qualcuno inventa un profilo virtuale, anche là dietro c’è una persona. Il virtuale è reale”, ha concluso.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo