Maternità in Italia: Forum famiglie, “lavoratrice incinta porta in sé un valore sociale, urge cambiamento culturale”

“Non è possibile, per non perdere il proprio lavoro, dover rischiare la salute del bimbo che si porta in grembo e la propria. Quanto emerso dal caso milanese è purtroppo vero. È un problema culturale: diventare mamma non è più percepito come valore sociale, ma ridotto al rango di bene individuale”. Così la vicepresidente nazionale del Forum delle associazioni familiari, Emma Ciccarelli, commenta l’episodio che ha visto come protagonista una giovane mamma avvocato di Milano, incinta all’ottavo mese, a cui è stato negato il rinvio di un’udienza in Tribunale nonostante il rischio di parto prematuro. “È una sconfitta della società, ma anche – sottolinea Ciccarelli – un arresto nel processo di valorizzazione della dignità della donna. Saremo a fianco a Monica per aiutarla a sostenere i suoi diritti”.
“La passione per il proprio lavoro – sottolinea Maria Grazia Colombo, altra vicepresidente del Forum famiglie – per una donna non può e non deve essere d’impedimento a fare figli. Anche perché in tutti gli altri Paesi europei la gravidanza non è alternativa al lavoro femminile. Al contrario, l’aumento dell’occupazione femminile coincide con l’aumento della natalità”. “La maternità è una funzione sociale: in quanto tale dev’essere riconosciuta sia per il lavoro dipendente che per l’autonomo. La libera scelta della donna di fare carriera -ammonisce – dev’essere realmente libera. Altrimenti impoverisce tutta la società”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo