Rondine: YouTopic Fest, con il progetto Itaca il ritorno a casa dei giovani che fanno innovazione sociale in Italia

Un progetto per individuare le criticità di ogni territorio ed elaborare iniziative innovative che tengano conto delle diversità specifiche. È il senso del progetto Itaca, presentato oggi e sostenuto dalla Fondazione Vodafone Italia, nell’ambito di YouTopic Fest, il festival internazionale del conflitto di Rondine, in corso ad Arezzo. Obiettivo, il rafforzamento del networkNest (National Experimental Sudents Team), la rete degli ex studenti per lo sviluppo di progetti di impatto sociale nei territori di appartenenza. “L’assunto alla base del Metodo di Rondine è che il conflitto fa parte di ogni essere umano, in tutte le sue molteplici sfumature e se riconosciuto, affrontato, gestito e trasformato diventa una risorsa generatrice di relazioni autentiche”, afferma Franco Vaccari, presidente di Rondine. Tra gli elementi di innovazione del progetto Itaca che saranno messi in campo, un progettista sociale, un tutor e infine la piattaforma E-QAR, uno spazio virtuale in cui i giovani potranno condividere le proprie idee. Verrà coniugato un percorso formativo di e-learning dedicato alla progettazione e all’impresa sociale, con una piattaforma di crowdfunding aperta a tutti. YouYopic Fest proseguirà domani, domenica 9 giugno, con la corsa-camminata ecologica YouTopic Family Eco Run&Walk, promossa dal Coordinamento informale delle Associazioni della Riserva di Ponte a Buriano e Penna. Alle 14, “L’analisi dei conflitti e il ruolo dei media” che vedrà interventi di reporter e inviati di guerra come Giovanni Porzio, Gabriella Simoni e Pietro Veronese del Il Venerdì di Repubblica. Ma anche Giampiero Gramaglia, per molti anni corrispondente estero dell’Ansa, oggi direttore responsabile “AffarInternazionali”, Livia Grossi del Corriere della Sera e Rana Awad, ex studentessa di Rondine palestinese, esperta di comunicazione e nuovi media.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori